fbpx

Cos’è una Blockchain

Una blockchain è letteralmente una “catena di blocchi”, contenente un vero e proprio archivio digitale condiviso fra tutti i suoi utenti in modo univoco. Ogni blocco della catena contiene fondamentalmente tre elementi: i dati da memorizzare, un codice univoco identificativo del blocco, e il codice del blocco precedente, in modo tale da concatenare i blocchi in ordine cronologico. Questa catena di dati viene conservata ed aggiornata ad ogni transazione in tutti i computer dei suoi utenti. Ogni blocco come detto prima è formato da tre elementi: il primo elemento sono i dati che vengono memorizzati in quel blocco. tipicamente il mittente, il destinatario e la quantità di valuta che viene scambiata. Il secondo elemento è il cosiddetto “hash”, una stringa di numeri e lettere che identifica quel blocco ed il suo contenuto, che è sempre unico: ogni volta che viene creato un nuovo blocco, viene calcolato un nuovo hash, unico e specifico per quel blocco. Il terzo elemento contenuto in ogni blocco è l’hash del blocco precedente, ed è proprio la presenza di questo hash all’interno di ogni blocco a dare origine alla catena ed è questo ciò che rende la blockchain così sicura. Ma, sebbene efficace, il sistema degli hash da solo non è sufficiente a prevenire manomissioni. Perlomeno in teoria, si potrebbe efficacemente manomettere un blocco e ricalcolare tutti gli hash degli altri blocchi per rendere nuovamente valida la blockchain. Quindi, la blockchain utilizza un altro sistema che ne garantisce la sicurezza, e cioè la decentralizzazione. Le blockchain, infatti, usano una rete peer-to-peer alla quale chiunque può accedere e partecipare. I partecipanti prendono il nome di nodo. Quando qualcuno crea un nuovo blocco, questo blocco viene inviato a tutti i nodi della rete. Ogni nodo verifica quindi il blocco, per assicurarsi che non sia stato manomesso e, se tutto è corretto, ogni nodo aggiunge questo blocco alla propria blockchain, mentre se un nodo aggiunge un blocco che è stato manomesso, questo verrà respinto da tutti gli altri nodi della rete. Quindi, per manomettere con successo la blockchain, bisognerebbe manomettere tutti i blocchi della catena e assumere il controllo della maggioranza assoluta della rete, cosa praticamente impossibile in termini di tempo e poco conveniente in termini energetici.

Ad oggi le blockchain vengono principalmente utilizzate per registrare i dati di transazioni di criptovalute ma possono essere usate e adattate per conservare in sicurezza qualsiasi tipo di dati, che si tratti di memorizzare contratti digitali, i cosiddetti smart-contracts, cartelle cliniche o addirittura per la creazione di opere d’arte digitali firmate, i cosiddetti Non Fungible Tokens (NFT), ma come si può intendere gli usi sono pressoché illimitati, in quanto non c’è limite alla tipologia di dati inseribili nel primo elemento del blocco

Come valuti questo contenuto?

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pocket

Indice Contenuti

Articoli correlati

Chi ha letto questo articolo ha letto anche

Come è andato il 2023 sui mercati azionari?

I mercati azionari globali hanno conseguito nel corso del 2022 performance decisamente superiori rispetto a quelle che erano le attese degli analisti ad inizio anno, guidati soprattutto dalla borsa americana.

Il BTP Valore è da acquistare?

Partirà lunedì 2 ottobre la seconda emissione del BTP Valore, anche in questo caso dedicata esclusivamente ai risparmiatori privati e si protrarrà fino alle 13

Entriamo in contatto

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.