fbpx

Il rapporto prezzo/utili spiegato semplice: il caso Nvidia

Il rapporto prezzo/utili spiegato semplice: il caso Nvidia.

Osservando l’impennata del titolo negli ultimi mesi, sono in molti a ritenere che sia impossibile che la quotazione in borsa possa crescere ulteriormente in quanto sopravvalutato o addirittura in bolla.


Sostenere questa posizione unicamente sulla base della capitalizzazione raggiunta o dell’osservazione della crescita percentuale delle quotazioni, potrebbe essere un grave errore: oltre a diverse altre valutazione da fare, il punto d’inizio è senz’altro quello di raffrontare i prezzi del titolo (e la capitalizzazione) con i risultati finanziari della società (utili, flussi di cassa) e con quello ci si aspetta dal suo futuro (crescita, stasi o declino).


Se il mercato si inizia ad aspettare che una società produrrà utili elevati e fortemente in crescita negli anni a venire, è normale che il prezzo cresca e si stabilizzi a livelli maggiori rispetto ad un’aspettativa di utili costanti o in declino.

Confrontare prezzo e utili attesi


Una delle misure più immediate per avere una prima idea della valutazione di un titolo è il rapporto prezzo/utili. In particolare, il PE forward misura il rapporto tra prezzo e utili attesi negli anni successivi. Nel grafico è possibile osservare che il PE forward attuale di Nvidia risulta minore di quello del 2021.

Se gli utili attesi e i prezzi non si muovono nella stessa direzione e con la stessa intensità, il PE si modifica.

Per esempio, se al crescere degli utili attesi il prezzo rimane uguale, o aumenta ma non tanto quanto gli utili, il PE forward si riduce.

Al titolo Nvidia è accaduto esattamente questo: gli utili attesi per i prossimi anni sono cresciuti molto di più rispetto alle quotazioni di mercato. Infatti, mentre nel Q4 2021 il valore dell’azienda (capitalizzazione) era di 65 volte gli utili attesi e nel Q2 2023 era di poco più di 60 volte gli utili attesi, l’aumento degli utili attesi per i prossimi anni ha portato le valutazioni attuali (Q2 2024) dell’azienda a circa 35 volte gli utili attesi.


Confrontare prezzo e flussi di cassa


Il prezzo si può anche raffrontare ai flussi di cassa oltre che agli utili: nel prossimo grafico si nota come i prezzi di mercato (linea bianca) hanno seguito coerentemente i flussi di cassa di Nvidia in fortissima crescita (barre verdi).

Conclusione

Questi dati suggeriscono che l’aumento vertiginoso delle quotazioni del titolo di per sé non è sufficiente per poter affermare che le valutazioni sono completamente disallineate dai suoi risultati fondamentali. Certo è che il titolo sconta una crescita degli utili futuri molto alta, legata al settore dell’intelligenza artificiale, che solo i prossimi mesi/anni ci diranno se sostenibile e in che misura.


Davide Caraceni
Vito Ferito

Come valuti questo contenuto?

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pocket

Indice Contenuti

Articoli correlati

Chi ha letto questo articolo ha letto anche

Storia di Nvidia

Pochi giorni fa Nvidia è diventata la società che vale di più in tutto il mondo, avendo raggiunto una capitalizzazione di mercato superiore ai $3,3 trilioni, e avendo superando il precedente primato di Apple e di Microsoft.

Best FInancial Advisor awards

Best Financial Advisor Website Awards

Il Best Financial Advisor Website Awards è un’iniziativa nata con l’obiettivo di mettere in luce quei professionisti del settore finanziario che comprendono l’importanza di un’immagine online efficace. In un mondo sempre più digitale, il sito web di un consulente finanziario rappresenta non solo una vetrina delle proprie competenze e servizi, ma anche un potente strumento per instaurare fiducia e credibilità con i clienti attuali e potenziali.

Entriamo in contatto

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.