fbpx

La pianificazione finanziaria come la preparazione atletica: due strumenti per il successo personale

La passione per lo sport è una costante della mia vita ed è un qualcosa alla quale difficilmente rinuncerei. Che lo sport aiuti il corpo e la mente non è un segreto ma, sembra che esso abbia effetti positivi anche sulle capacità manageriali.

Ho da sempre praticato diverse attività sportive (calcetto, basket e padel) ma, più recentemente, ho scoperto una passione nuova: il running.

La corsa è forse l’attività fisica in cui è più semplice monitorare risultati e, inoltre, è una delle più fattibili da praticare per la sua flessibilità, elemento da non sottovalutare visti gli attuali cambiamenti repentini della nostra quotidianità.

Nel mio lavoro di consulenza patrimoniale e finanziaria sono una persona meticolosa, attenta e soprattutto ambiziosa. Ed anche nel praticare lo sport, accontentarmi non fa al caso mio.

Così, dopo aver preso confidenza con la corsetta domenicale e fatto qualche sgambata per provare i miei nuovi indumenti da runner, ho alzato subito l’asticella.

Il mio obiettivo è quello di partecipare ad una mezza maratona, corsa cittadina di poco più di 20km.

Per cimentarmi in questa nuova sfida, ho deciso di rivolgermi ad un professionista: un preparatore atletico con il quale stilare un piano d’allenamento; il numero di sessioni da effettuare; e definire anche il giusto modello nutrizionale. Insomma insieme abbiamo pianificato le azioni da implementare per raggiungere in 5 mesi, ed in modo efficace, il mio obiettivo.

Affidarsi ad un professionista di un determinato settore è sempre la miglior scelta verso la quale propendere.

Anche io sono uno specialista, della consulenza naturalmente.

Mi occupo, più generalmente, di economia e management, di finanza, di business.

Quello di cui sono esperto, però, è la finanza personale, ovvero la pianificazione del risparmio, la consulenza patrimoniale a privati ed aziende.

Così, come io affido il mio corpo e i miei risultati sportivi ad un preparatore atletico professionista, anche i clienti che si rivolgono a me trovano un professionista della consulenza finanziaria e patrimoniale.

Peppe, il nome del mio preparatore, è un podista da oltre 20 anni e svolge con passione il suo lavoro.

Il vero motivo, però, per il quale ho scelto Peppe è stata la sua capacità di far ottenere i traguardi a chi ha seguito il suo training. Mi sono messo in contatto con i suoi precedenti allievi e sono rimasto felicemente sorpreso di come fossero soddisfatti del loro percorso agonistico.

Peppe ha seguito una procedura ben precisa prima di iniziare gli allenamenti: in primis, si è accertato che fossi in possesso del certificato sportivo agonistico.

In seguito, mi ha inviato un questionario utile a stilare la tabella di allenamento; il questionario lo ha utilizzato per capire il profilo della persona che avesse di fronte.

Questo approccio è pressoché identico a quanto avviene con il mio metodo per la pianificazione finanziaria.

Molti clienti, infatti, prima di contattarmi cercano il mio sito web e i miei canali social, toccando virtualmente la mia persona e di cosa mi occupo. Solo al termine di questa fase, mi chiedono un incontro.

In una fase preliminare ascolto i bisogni e analizzo il loro profilo economico finanziario, con l’unico scopo di definire una strategia che possa aiutarli a raggiungere i propri obiettivi di investimento.

Tornando alla mia preparazione con Peppe, una volta inviati i dati degli allenamenti iniziali – tempi, chilometri percorsi – ci siamo reciprocamente confrontati in modo da, eventualmente, cambiare tipologia di allenamento, qualora ci fosse qualcosa di inappropriato.

A questo proposito, è infatti molto importante instaurare un rapporto di fiducia reciproca, poiché il suo ruolo è anche quello di sostegno.

Spesso chi comincia a correre, smette per mancanza di costanza, per pigrizia o altri motivi. Un preparatore atletico è anche una figura che stimola mentalmente, ad esempio, ad andare a correre anche se piove; insomma, un vero e proprio mentore.

In un parallelo con le attività svolte insieme a Peppe, per la mia preparazione ad affrontare i 20km, anche io cerco di confrontarmi spesso con i clienti e instaurare un rapporto di trasparenza e fiducia.

So bene, infatti, che affidare il proprio patrimonio o quello familiare è un passo importante.

A tal proposito, stilo per loro (dopo il primo incontro conoscitivo) un piano finanziario, su cui i miei clienti riflettono e sul quale pormi tutti gli eventuali quesiti, così da non avere dubbi irrisolti.

All’inizio, vedere il traguardo finale è cosa assai pretenziosa. Ma proprio per questo, è compito della figura di un professionista esperto, accompagnare i clienti nel percorso dall’inizio alla fine.

Con Peppe, abbiamo stilato un piano d’allenamento di 5 mesi per prepararmi a disputare la mezza maratona, con tappe ben definite, scadenze, traguardi e obiettivi da raggiungere e monitorare costantemente.

In questo periodo non è stato sempre facile: ci sono stati momenti difficili, piccole cadute fisiologiche e imprevisti del caso. Trovare la forza mentale di guardare alla linea del traguardo non è sempre facile.

E se nella corsa imprevisti e infortuni sono possibili ma non certi, nella finanza gli ostacoli e le difficoltà sono all’ordine del giorno.  Variazioni macroeconomiche inattese, improvvisi cali degli indici di borsa, oscillazioni di cambi e commodities si verificano con frequenza.

Repentini cambi politici, pandemie o catastrofi ambientali seppur apparentemente distanti da numeri e strumenti finanziari, possono influire sulla valutazione delle attività detenute nei portafogli.

Per queste motivazioni, il mio mestiere di pianificatore finanziario e patrimoniale richiede una costante preparazione e anche una certa dose di forza mentale. Sono, infatti, sempre al fianco dei miei clienti nei successi ma, soprattutto, nei momenti più critici.

Il mio impegno è nella creazione di valore per tutti coloro i quali decidono di affidarmi il loro patrimonio, lavorando attraverso quello strumento che ho imparato a padroneggiare: la cultura finanziaria con la quale realizzo le pianificazioni patrimoniale per i miei clienti.

La mia passione è costruire il futuro, insieme a loro.

Continuerò con Peppe a prepararmi, così come sono costantemente al fianco dei miei clienti per raggiungere i loro obiettivi.

Sì perché, correre, come essere un consulente finanziario, significa in realtà vedere l’orizzonte di un inizio per realizzare i propri sogni. 

Come valuti questo contenuto?

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pocket

Indice Contenuti

Articoli correlati

Chi ha letto questo articolo ha letto anche

Azioni o obbligazioni: qual è il tassello mancante in questo 2022?

Da sempre le azioni sono sinonimo di rischio e opportunità di rendimenti interessanti, mentre le obbligazioni rappresentano più sicurezza e protezione del capitale. In mezzo si posiziona il classico investimento bilanciato con azioni e bond per sfruttare la loro decorrelazione, con i bond che di solito attutiscono gli eventuali ribassi dei mercati azionari.

Bitcoin, il nuovo oro?

Il Bitcoin, da qualcuno definito l’oro del XXI secolo, sta facendo molto parlare sé. Alcuni sostengono che nel mondo post-pandemico il Bitcoin potrà perfino prendere

Entriamo in contatto

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.