fbpx

La stella (cadente?) delle gestioni separate

Le compagnie assicurative italiane sono a rischio solvibilità?

È il tema che ho affrontato per il mensile We Wealth insieme ad autorevoli esperti del settore. Come riportato nell’articolo, è indubbio che anche i rendimenti delle gestioni separate sono destinati a scendere dal momento che i titoli in scadenza (con rendimenti ancora ottimi) devono essere sostituiti con titoli di nuova emissione e rendimenti appena positivi. 

È però altrettanto vero che per prevenire scenari futuri avversi, la stragrande maggioranza delle compagnie di assicurazione italiane ha agito da tempo con azioni via via sempre più incisive, mano a mano che i tassi continuavano a scendere:

•  Dapprima con una riduzione dei rendimenti minimi garantiti (erano al 4% negli anni 90) fino ad arrivare allo zero;

•  Proseguendo con un capitale garantito solo a scadenza e non più in qualsiasi momento della vita della polizza.

•  Fino a non accettare più da tempo nuove sottoscrizioni nelle polizze in oggetto, proprio per evitare un effetto diluizione dei rendimenti e poter mantenere fede alle garanzie prestate senza avere impatti negativi in bilancio. 

Inoltre, i sistemi di controllo delle autorità di vigilanza sono molto stringenti e i bilanci delle compagnie sono spesso sottoposti a stress test con scenari particolarmente avversi. I risultati, sia delle compagnie italiane che europee, sono molto incoraggianti.

Cosa deve fare quindi il risparmiatore che ha investito in queste polizze?

Vale sempre la regola della diversificazione: 

•  Se la percentuale investita in gestioni separate è solo una parte di una asset allocation condivisa e costruita (oltre che sottoposta a “manutenzione” annuale) con il proprio consulente finanziario in base ai propri obiettivi di investimento, non vedo particolari criticità;

•  qualora invece si fosse investito la stragrande maggioranza dei propri asset su strumenti simili è opportuno fare un check up con un consulente finanziario per costruire un portafoglio maggiormente diversificato al riparo dal rischio di concentrazione.

Come valuti questo contenuto?

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pocket

Indice Contenuti

Articoli correlati

Chi ha letto questo articolo ha letto anche

Azioni o obbligazioni: qual è il tassello mancante in questo 2022?

Da sempre le azioni sono sinonimo di rischio e opportunità di rendimenti interessanti, mentre le obbligazioni rappresentano più sicurezza e protezione del capitale. In mezzo si posiziona il classico investimento bilanciato con azioni e bond per sfruttare la loro decorrelazione, con i bond che di solito attutiscono gli eventuali ribassi dei mercati azionari.

Bitcoin, il nuovo oro?

Il Bitcoin, da qualcuno definito l’oro del XXI secolo, sta facendo molto parlare sé. Alcuni sostengono che nel mondo post-pandemico il Bitcoin potrà perfino prendere

Entriamo in contatto

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.